Artist: Massimiliano Milesi     Album: Oofth     Label: Auand     Code: AU9082

Oofth

  • Oofth

  • Massimiliano Milesi

  • 22 March 2019

  • AU9082

  • 8031697908227

  • Jazzos, Auand

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 818

  • Today views : 1

  • Created on : 04 March 2019

  • Total songs : 7

  • Total comments : 0

  • From: Auand

Press Release

MASSIMILIANO MILESI
OOFTH

Auand AU9082 (distr. Goodfellas)

“…Un’immagine? […] non potrebbe mai avere realmente cinque dimensioni, lunghezza, profondità, altezza, ifth e oofth: almeno così credo…”

Con queste parole lo scienziato Oliver Farnsworth descrive una delle sue più allucinanti invenzioni: un misterioso marchingegno a forma di cubo pentadimensionale (o penteratto). Non conoscendo l’esatta natura delle due dimensioni aggiuntive il personaggio del racconto di Walter Tevis inventa di sana pianta questi due nomignoli per descriverle; scoprirà in seguito che la quarta dimensione (ifth) non è altro che il tempo e oofth sarà il nome della quinta, ossia una sorta di tempo alternativo.

La novella in questione è intitolata The Ifth of Oofth e compare nella raccolta di racconti del 1981 Far From Home dello scrittore di fantascienza (e non solo) Walter Tevis. Tevis è forse l’autore più beat della letteratura fantascientifica americana; nei suoi scritti sfoga tutte le sue nevrosi, la sua solitudine, la sua disperazione e una completa avversione verso il sistema capitalistico americano. La sua fantascienza si discosta da quella dei suoi contemporanei per una minore perizia tecnico-scientifica e una maggiore profondità letteraria; la sua scrittura assume una funzione di analisi delle sue più profonde inquietudini.

All’interno del racconto in questione Tevis descrive una situazione allucinante ma al tempo stesso scientificamente plausibile: attraverso lo sforamento nella quinta dimensione i personaggi interagiscono con un futuro prossimo collegando e inserendo in un pericoloso rapporto di causa-effetto due punti distanti nel tempo che non dovrebbero coincidere. Azioni compiute nel passato si ripetono catastroficamente amplificate nel futuro prossimo. L’assurdità delle pieghe dello spazio-tempo fa sì che l’universo futuro possa essere racchiuso in una scatola di pochi centimetri.

OOFTH è il primo album di Massimilano Milesi, in uscita per Auand il 22 marzo. Il progetto trae spunto da queste atmosfere surreali e paradossali. Le composizioni originali fanno spesso riferimento alle colonne sonore della fantascienza cinematografica. Come nel racconto di Tevis il flusso temporale si fa talvolta ambiguo e melmoso traghettando le immagini sonore da una situazione all’altra. L’utilizzo massiccio dell’elettronica contribuisce all’apertura di immagini siderali e, al contempo, il continuo scambio di ruoli tra il Bass VI (una chitarra bassa in sostituzione del basso elettrico) e il sintetizzatore fornisce il disorientamento che provano gli stessi personaggi del racconto di fronte alla loro straniante scoperta. Il sax tenore e la batteria mantengono la loro natura acustica ma ne esplorano i timbri in un gioco di mutazioni sonore. Molti dei titoli rimandano a concetti o elementi cari alla fantascienza e presi in prestito dall’astronomia o dalla fisica e altri ancora dalla letteratura fantascientifica stessa.

 

EN

MASSIMILIANO MILESI
OOFTH

Auand AU9082 (distr. Goodfellas)

“…An image? […] it could never really have five dimensions:
length, width, height, ifth and oofth: at least that’s what I think…” 

 

 These are the words used by scientist Oliver Farnsworth to describe one of his most unreal inventions: a mysterious 5-dimensional hypercube (penteract) machine. Ignoring the actual nature of the additional dimensions, Walter Tevis’ novel character pulls these two names out of the air to describe them. He will later discover that the fourth dimension (ifth) is nothing but time, and oofth is a sort of alternative time.

This novel, The Ifth of Oofth, is included in the 1981 collection Far From Home by sci-fi writer Walter Tevis. Tevis is arguably the most beat-inclined writer in the U.S. sci-fi literature: he unloads his obsessions, solitude, despair into his writing, along with a complete repulsion for American capitalistic system. His sci-fi work is different: less technic-scientific expertise, more literary depth: his writing works as analysis of his deepest fears.

In this novel, Tevis describes an unbelievable yet scientifically possible scenario: breaking into the fifth dimensions, the characters interact with the future, connecting two moments that are distant in time and putting them into a dangerous cause-effect relationship. Actions completed in the past repeat catastrophically in the future. The absurdity in folded time-space makes it possible for the universe to be kept in a small-sized box.

OOFTH is Massimilano Milesi’s debut album, out on Auand on March 22. The project sparks from these surreal and bizarre circumstances. The originals often refer to sci-fi movie soundtracks. As in Tevis’ novel, sometimes the time flux gets unclear and muddy, pushing the sound images through different circumstances. The heavy use of electronics contributes to the opening of sidereal images. At the same time, the continuous exchange between Bass VI (a bass guitar that replaces the electric bass) and synth causes the same disorientation the characters are feeling after their bewildering discovery. Tenor sax and drums maintain their acoustic nature, exploring timbers and sound mutations. Many titles refer to concepts or elements that are special to sci-fi and that belong to astronomy or physics, while some others come from sci-fi literature itself.

Track List

01 I HAVE NO WORDS
02 BAD GOAT
03 THE SLIDE ROCK BOLTER
04 IFTH
05 REDSHIFT
06 TIBBISH TIZZP
07 DOPPLER

Personnel

Massimiliano Milesi tenor saxophone
Emanuele Maniscalco wurlitzer piano, synthetizers
Giacomo Papetti bass VI, electric bass
Filippo Sala drums

Recording Data

Produced by Massimiliano Milesi
Executive Producer: Marco Valente
Recorded at Bluefemme StereoRec, Brescia - Italy
Engineer: Marco Franzoni and Ronnie Amighetti
Cover Photo: Alessandro de Leo

More Albums From Auand