Artist: RACHELE ANDRIOLI & ROCCO NIGRO     Album: MALÌE     Label: Dodicilune     Code: FNF106

MALÌE

  • MALÌE

  • RACHELE ANDRIOLI & ROCCO NIGRO

  • 12 June 2014

  • FNF106

  • 8033309691060

  • Dodicilune

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 3298

  • Today views : 2

  • Created on : 20 May 2014

  • Total songs : 8

  • Total comments : 0

  • From: Dodicilune

Press Release

Malìe è il nuovo progetto discografico della cantante Rachele Andrioli e del fisarmonicista Rocco Nigro, prodotto artisticamente da Gabriele Rampino ed Eraldo Martucci per Fonosfere, collana editoriale dell'etichetta salentina Dodicilune e distribuito da IRD.
 
I due giovani autori e interpreti propongono un lavoro con tratti innovativi, tra una ben radicata tradizione salentina e una dimensione nuova, tra “world music” e nuove “sensibilità musicali” contemporanee. Nove brani (quattro tradizionali e cinque inediti) nei quali i due sono affiancati da Enza Pagliara (voce), Valerio Daniele (chitarra), Redi Hasa (violoncello), Francesco Massaro (sax baritono), Vito de Lorenzi (percussioni), le sorelle Gaballo (voce e mani) e Mauro Semeraro (mandolino).

"Il disco è un percorso sui luoghi ancestrali e mitici della cultura vocale, sui tòpoi del Salento e della Puglia primitivi, sulla tradizione vocale che muove in transizione verso suggestioni nuove e che si collega idealmente al Fado portoghese, ma anche allo stornello romano", sottolinea Eraldo Martucci nell'introduzione a Malìe. "La fascinazione del primo elemento strumentale, la voce, e della sua capacità di trasmettere oralmente tradizioni, dinamiche, favole, sogni. La centralità dell’elemento vocale impone di spogliarsi da ogni orpello, alla ricerca di una essenzialità primigenia: in tal senso la voce lega con i mantici di una fisarmonica, in pochi contrappunti con altri strumenti, dove la dimensione del duo prevale su scelte forse più ricche ma meno vere. Rachele Andrioli, con la sua eccezionale ricchezza timbrica e con un’espressività mai ostentata ed affidata sempre al canto, percorre i luoghi rurali della sua terra non nascondendo le sue influenze bizantine, richiamando il senso della musica come espressione di socialità", continua il critico. "Musica cioè nella quale l’uso della voce come nenia funebre, come accompagnamento di cerimonie, nascite, matrimoni, preghiere torna ad esprimere la propria centralità, affiancata in questo caso dalla fisarmonica straordinaria di Rocco Nigro. Una musica che dunque va oltre l’intrattenimento per diventare piuttosto potere visionario e vibrante, e con immaginazioni interiori più potenti, come testimonianza appunto di quella dimensione ancestrale che vive ancora oggi. Una musica dalla natura comunicativa più profonda, nascosta e che rivela il suo ruolo essenziale come archetipo di tutti i nostri comportamenti. Il duo, formula mutuata dalla musica colta ma perfettamente attinente anche a quella popolare, muove da esperienza radicata in più di un triennio sul territorio, fino ad arrivare ad un franco successo di pubblico anche oltre il territorio. Forti di tali esperienze sul campo, i due musicisti riescono a creare unisono tra il respiro della voce e quello del mantice della fisarmonica che la sostiene, in un gioco fascinoso di … malìe”.

Il cd si apre con La lettera ca me desti, raro esempio di un canto d'amore al femminile nella tradizione popolare salentina. Malìa è un brano inedito in italiano. La stessa cellula musicale si sviluppa in armonia con la voce, quasi per immaginare una sorta d’incantesimo. Bella ci dormi è una serenata popolare salentina: l'uomo canta il proprio amore e resiste alle intemperie della natura, pur di attendere la propria amata sotto la sua soglia di casa. Crìstal è un brano strumentale inedito, un omaggio alla milonga, un giocotra strumenti che s'inseguono e si lasciano andare. Nel dialetto brindisino di Albatro, il mare a volte suggerisce dolcezza. Esempio di una romantica pretesa di vita, di un momento in cui le parole si fanno musica e la musica diventa poesia. Marìa La Portuguesa e gli anonimi Stornelli antichi sono un omaggio ad Amalia Rodriguez e a Gabriella Ferri. Acqua te ranu è espressione della continua rigenerazione nella vita umana interiore. Malìe si chiude con Aria di Salve, brano della tradizione salentina - interpretato con voci e mani - che omaggia Salve, paese situato nel capo di Leuca.

Voce dal timbro profondo e inconfondibile, figura giovanile di intensa presenza scenica, Rachele Andrioli si misura col canto spaziando in un vasto “Canzoniere”, dal tradizionale al cantautorato, dalla musica delle radici salentine a quelle del mondo, dalla musica francese al jazz. Agli esordi ha collaborato per anni con il noto gruppo "Officina Zoè, uno tra i primi e più radicali nella riproposta della tradizione musicale salentina, partecipando con loro ai più importanti festival nazionali ed internazionali. Il suo viaggio musicale continua oggi, con diversi gruppi musicali, in Europa, in India, in Libano. Incide diversi dischi come ospite nel panorama salentino. Intanto studia “Canto Jazz” al Conservatorio "Tito Schipa" di Lecce, mentre collabora con diversi progetti musicali tra cui, più recentemente, “Madeleine” con Luigi Botrugno e Fulvio Palese, “Tu conosci il sud” con Donatello Pisanello, “Giro di Banda” e “Tarantavirus” di Cesare Dell'Anna. Altri progetti musicali recenti da lei ispirati, “Amor de mis Amores”, “Terra can un senti”, “Yiddis tango”...

Rocco Nigro è un fisarmonicista e compositore che partendo dalla tradizione del sud Italia ha esplorato i territori musicali del tango, della musica balcanica, klezmer e sefardita, arrivando, nella sua costante ricerca, fino alla musica contemporanea. E' impegnato in attività didattiche in istituti privati nelle provincie di Lecce, Brindisi e Taranto. Ha composto varie musiche per film e cortometraggi, vanta una cinquantina di partecipazioni discografiche e numerose esibizioni in festival internazionali. Tra le collaborazioni si contano quelle con Vinicio Capossela, Cirque du soleil, Orchestra ICO Lecce, Nigunim I tal yà e Teatro naturale di Renato Grilli, Opa cupa, Giro di Banda e Tarantavirus di Cesare Dell'Anna, Antonio Castrignanò, Redi Hasa, Valerio Daniele, Maria Mazzotta, Dario Muci, Giancarlo Paglialunga, i fratelli Rocco e Gianni De Santis, Nabil Salameh (Radiodervish), Enza Pagliara, Anna Cinzia Villani. Attualmente disegna e realizza produzioni musicali con Rachele Andrioli (“Malìe” in uscita presso l’etichetta Dodici Lune), Francesco Massaro (“Agàpi”, della nuova indipendente DeSuonatori) e il suo primo libro+disco “Guerra, Fichi e balli” presso l’editore Kurumuny, un’opera dedicata a suo nonno Rocco, tra commossa memoria storica e nostalgica ricerca musicale.

Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010/2013). Dispone di un catalogo di oltre 150 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 400 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). Info su www.dodiciluneshop.it

Track List

1 - La lettera ca me desti (tradizionale)
2 - Malìa (Rachele Andrioli / Rocco Nigro)
3 - Bella ci dormi (tradizionale)
4 - Cristal (Rocco Nigro)
5 - Albatro (Paola Petrosillo / Valerio Daniele)
6 - Maria la portuguesa (Carlos Cano)
7 - Stornelli Antichi (tradizionale)
8 - Acqua te ranu (Vito De Lorenzi)
9 - Aria di Salve (tradizionale)

Personnel

Rachele Andrioli - voce e tamburi a cornice
Rocco Nigro - fisarmonica
Enza Pagliara - voce (1, 7)
Valerio Daniele - chitarra acustica (1, 5)
Redi Hasa - violoncello (3)
Francesco Massaro - sax baritono (4)
Vito De Lorenzi - santur (8)
Mauro Semeraro - mandolino (6)
Lidia e Arianna Andrioli, Franca, Ada, Rosaria e Mimina Gaballo - voce e mani (9)

Recording Data

Produzione editoriale di Eraldo Martucci e Gabriele Rampino per Fonosfere by Dodicilune
Label Manager Maurizio Bizzochetti
Registrato nel maggio/giugno 2012 e mixato e martirizzato nel dicembre 2013 da Valerio Daniele al Chora Studi Musicali di Monteroni (Le)
Foto di Francesco Torricelli