Artist: U-Man Trio     Album: Infant Speech     Label: AlfaMusic     Code: AFPCD140

Infant Speech

  • Infant Speech

  • U-Man Trio

  • 24 February 2014

  • AFPCD140

  • 8032050014029

  • iTunes, Jazzos, AlfaMusic

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 5562

  • Today views : 3

  • Created on : 21 February 2014

  • Total songs : 10

  • Total comments : 0

  • From: AlfaMusic

Press Release

INFANT SPEECH - UMAN Trio

 

Gaia Possenti: piano

Fabrizio Cecca: double bass

Massimo Carrano: drums & percussions

 

La felicità dell'invenzione musicale del UMAN Trio risiede soprattutto nella trasparenza dell'interplay, di quel gioco cioè di rimandi fra i tre strumenti che vide in Bill Evans il pioniere e il più autorevole esponente, e che da allora è una costante imprescindibile dell'intesa tra i componenti del trio piano-contrabbasso-batteria.
A tutto questo va aggiunta la capacità veramente invidiabile della creazione melodica, componente non sempre presente nella musica attuale. I temi sono tutti, o quasi, cantabilissimi, senza per questo scivolare nell'ovvio o nel banale, anche per via della perfetta integrazione della melodia con alcune raffinatissime soluzioni ritmiche e armoniche.
Il merito principale del disco è proprio la volontà di comunicare, non rinnegando affatto la tradizione ma vivendola come spinta propulsiva per la definizione di un linguaggio più contemporaneo.                                                                                    

La sintonia dei tre musicisti è notevole, e non potrebbe essere altrimenti in una formazione che è una delle più difficili da proporre, proprio per i paragoni nobili e conclamati che vengono in mente quando si tratta di un trio così formato. Il risultato a cui arrivano Gaia Possenti, Fabrizio Cecca e Massimo Carrano è del tutto in linea con le migliori prestazioni del panorama jazzistico.
I brani del cd presentano per lo più composizioni originali, con l'immissione di due notissimi standard come My Favourite Things e In A Sentimental Mood, di cui conosciamo le versioni storiche di John Coltrane per il primo e dell'autore Duke Ellington, oltre ad una miriade di altri musicisti, per il secondo. La rilettura del primo, in cinque ottavi invece dell'originario tempo ternario, con un riff alla mano sinistra del pianoforte spesso raddoppiato dal contrabbasso, dà al brano un'insolita angolazione scura, lontana dalla solarità dell'originale canzone del musical Sound of Music come da quella radicalmente modale della celebre versione coltraniana. "In A Sentimental Mood" è presentato come un omaggio a Michel Petrucciani.
Nella struggente introduzione di Gaia si ritrovano tracce raveliane della Pavane, dedica al grande pianista scomparso, per poi defluire in una swingante esposizione con relativo sviluppo in tempo medio.
I brani originali (cinque di Possenti, due di Cecca e uno di Carrano) sono tutti molto centrati nelle loro diverse atmosfere. C'è il tango dalle venature toccanti, la ballad classica, il pezzo jazzisticamente più ortodosso e c'è l'omaggio all'America Latina con spazio al trascinante Massimo Carrano, finora noto come ottimo percussionista, qui notevole anche alla batteria, molto attento alla dimensione timbrica. Fabrizio Cecca costruisce i suoi assoli su una pregevolissima rotondità del suono che gli consente di sfruttare al meglio e con grande sensibilità le risorse melodiche dello strumento, mentre Gaia Possenti usa in modo intelligente i suoi riferimenti stilistici, da Lyle Mays a Brad Mehldau (ma anche per la musicalità a Egberto Gismonti), discostandosene quel tanto che basta per congegnare un suo linguaggio originale, lirico e poetico ma anche pieno di gioco e ironia.


In conclusione, Infant Speech è un aristocratico viaggio nella musica che più ci emoziona.


Germano Mazzocchetti

 

---------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

 

ENGLISH

 

The success of the musical inventiveness of the U-MAN Trio lies above all in the clearness of the playful interconnections and harmonious understanding between the three instruments, crucial features which have been a constant of the piano-bass-drums trio ever since it was established by Bill Evans – the pioneer and the most authoritative exponent of this particular formation.  

To this must be added a truly enviable facility of melodic creation, a component that is not always present in music nowadays. The themes are all, or nearly all, eminently singable, without ever lapsing into the obvious or the banal, largely thanks to a seamless integration of the melody with some extremely refined rhythmic and harmonic solutions. Perhaps the main merit of this record is its will to communicate, without denying tradition in any way, while using it as the driving force for developing a more contemporary language.

The sense of concord between the three musicians is remarkable, but this could hardly be otherwise in a line-up that is one of the most difficult to propose today, because of the many illustrious and much acclaimed comparisons that come to mind in the case of a trio of this kind. But the results that Gaia Possenti, Fabrizio Cecca and Massimo Carrano attain are totally equal to the best historic performances of the greatest exponents of jazz. 

The tracks on the CD are mostly original compositions, apart from two well-known standards: My Favourite Things and In a Sentimental Mood, of which there are particularly celebrated versions by John Coltrane in the case of the first, and by Duke Ellington as well as a host of other musicians in the case of the second. The re-interpretation of My Favourite Things in five-eighths instead of the original triple time, with a left-hand riff on the piano that is often doubled by the bass, gives the track an unusually dark sound, which is very far from the radically modal aspects of Coltrane’s famous version and from the brightness of the original song from the musical The Sound of Music. In a Sentimental Mood is dedicated to Michel Petrucciani. In Gaia’s poignant introduction we hints of Ravel’s Pavane pour une infante défunte (Pavane for a Dead Princess), as a tribute to the late great pianist, but the piece then leads to a swinging exposition with a development in a medium tempo.

The original tracks (five by Possenti, two by Cecca and one by Carrano) all have very well defined atmospheres. There is a tango with moving nuances, a classic ballad, an orthodox jazz piece, and a tribute to Latin America that gives ample room to the enthralling rhythms of Massimo Carrano. An excellent all-round percussionist, here he displays his outstanding ability on the drums and his particular sensibility to nuances of timbre. Fabrizio Cecca constructs his solos upon the satisfyingly full and rich sound of the double-bass and he makes the most of the melodic possibilities of the instrument with great sensitivity, while Gaia Possenti on the piano makes intelligent use of her stylistic reference points, which range from Lyle Mays to Brad Mehldau (also including the special musical vision of Egberto Gismonti). She departs from them just enough to devise an original musical language of her own that is lyrical and poetic but also playful and ironic.

In conclusion, Infant Speech is a refined journey into the world of jazz, the music that excites and inspires us the most.

 

Germano Mazzocchetti

Track List

INFANT SPEECH - U-MANM Trio

1 Alghero (F. Cecca) 5.31
2 Canzone (G. Possenti) 5.11
3 F-Funk Sicuro (M. Carrano) 1.31
4 Hija de Tanguero (G. Possenti) 6.25
5 In a Sentimental Mood (D. Ellington) 7.09
6 Infant Speech (G. Possenti) 6.48
7 La Danse (G. Possenti) 6.15
8 My Favorite Things (R. Rodgers) 4.27
9 Quel punto oltre l'orizzonte (F. Cecca) 4.24
10 Song for Franck (G. Possenti) 4.51


Total time: 52.37


Publishing: AlfaMusic Studio (Siae)


AFPCD140

Personnel

Gaia Possenti: piano

Fabrizio Cecca: double bass

Massimo Carrano: drums & percussions

 

Production supervision: Fabrizio Salvatore

 

 

Recording Data

Recordings: Groovefarm Studio – Rome

Sound engineer: Davide Abbruzzese

Mixing: Carlo Di Francesco – Rome

Mastering: Forward Studios – Grottaferrata (Rome)

Mastering engineers: Carmine Simeone, Marcello Spiridioni

 

www.hi-jazz.com

 

More Albums From AlfaMusic