Artist: PIERLUIGI BALDUCCI     Album: BLUE FROM HEAVEN     Label: Dodicilune     Code: ED303

BLUE FROM HEAVEN

  • BLUE FROM HEAVEN

  • PIERLUIGI BALDUCCI

  • 30 November 2012

  • ED303

  • 8033309693033

  • iTunes, Dodicilune

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 4340

  • Today views : 1

  • Created on : 28 November 2012

  • Total songs : 10

  • Total comments : 0

  • From: Dodicilune

Press Release

ITALIAN

Venerdì 30 novembre esce Blue From Heaven, nuovo lavoro discografico del bassista e compositore barese Pierluigi Balducci, pubblicato da Dodicilune, distribuito da IRD e promosso con il sostegno di Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV.

Tutti i colori del cielo, in una cosmografia intensa, che alle trame di un’immaginaria visione del paradiso intreccia le sfumature della Luce, con i suoi lunghi raggi, trasparenti ed eterei. Nel suo terzo album per Dodicilune, il bassista Pierluigi Balducci si avvale della prestigiosa collaborazione di John Taylor, Paul McCandless e Michele Rabbia. Otto sogni raccontati con le note, otto composizioni visionarie da ascoltare ad occhi chiusi, otto finestre verso un “altrove” fatto di suoni e silenzi. Tanto il grande pianista inglese, quanto lo storico oboista-sopranista americano (per la prima volta in studio di registrazione insieme) e il geniale percussionista piemontese sembrano assecondare a meraviglia l'intenzione dichiaratamente 'romantica' del leader. Il risultato è un lavoro articolato su musiche originali firmate da Pierluigi Balducci, con l'eccezione di due brani, di Brad Mehldau e Charlie Haden, dall'indubbia capacità di suggestione e dal forte impatto evocativo. Composizioni 'visionarie' per un quartetto d’eccellenza. 

Il disco si apre con “Introduction”, una sorta di sigla di testa, un invito programmatico a chiudere gli occhi, sulle stesse note che ne “L’equilibrista” eseguirà il pianoforte di John Taylor; in “The light of Seville”, il riferimento alla città andalusa di Siviglia è motivato dalle allusioni ritmico-armoniche alla sevillana, tipica danza ternaria del sud della Spagna: una carica di euforica e contagiosa energia, pienamente espressa anche in assolo da Taylor e McCandless (qui al sax soprano), permea l'intera composizione. “Fin de siècle” è un vero scavo 'stratigrafico' nel percorso di formazione dell’autore: l'amore per Bach e la musica barocca, certi accenni al 'nuevo tango' (Balducci è il bassista di Nuevo Tango Ensamble) o alle colonne sonore hollywoodiane, si rimescolano in un quadro in cui prevalgono i toni nostalgici e malinconici. Il brano è stato concepito sin dall'inizio per l'oboe di Paul McCandless; “Unrequited” è un capolavoro di Brad Mehldau, immortalato nel suo 'The art of the trio vol. 3'. Una composizione visionaria, e in questo affine alle altre del disco. È eseguita qui in trio, senza piano, con Balducci che si divide tra un robusto e solido sostegno ritmico e un approccio chitarristico che assicuri al sax le coordinate armoniche; “Life in three sketches” è una composizione ampia, articolata, ma profondamente unitaria, in cui si riconoscono tre distinti nuclei tematici, circolarmente ripresi, modificati, variati, utilizzati come spunto di improvvisazione; la title track “Blue from heaven” è caratterizzata da una delicata tessitura di armoniche del basso elettrico, dal lirismo del sax soprano e dalla gentilezza del drumming di Michele Rabbia. E’ un brano un po' controcorrente, per le evidenti suggestioni sonore che portano al mondo nordamericano. “The sky over Skye” è un brano 'romantico' nell'accezione primaria del termine. Skye è un'isola delle Hebridi dominata da una natura selvaggia e possente. Al classico trio piano/basso/batteria è affidata “L'equilibrista”, una ballad onirica, caratterizzata da un magico stupore e da un instabile e precario equilibrio. La composizione è dedicata al violoncellista olandese Ernst Reijseger, che è presente in alcuni dischi di Balducci. “Our spanish love song” è un piccolo omaggio a Charlie Haden e alla semplice bellezza di questa melodia da lui composta. Chiude il cd il brano “The light of Seville alt. take”, con un timing leggermente più rilassato dell'altra versione del brano ma egualmente felice.

ENGLISH

"For his new project, bassist Pierluigi Balducci relies on the collaboration of John Taylor, Paul McCandless and Michele Rabbia. The great English pianist, like the historic Californian saxophonist and oboist and the Italian drummer-percussionist, share the overtly 'romantic' approach of the leader. In fact, in the very brief sleeve notes for BLUE FROM HEAVEN, the CD just recorded for the Dodicilune label, Balducci speaks of "... dreams recounted with notes, visionary songs to listen to with your eyes closed, windows towards an 'elsewhere' of sounds and silence". The result is a project with unmistakable power of suggestion and strong evocative impact, in which we find the usual lyrical compositions of the bassist in balanced tension between Writing and Improvisation."


FRENCH

"Pour son nouveau projet, le bassiste Pierluigi Balducci se sert de la collaboration de John Taylor, Paul McCandless et Michele Rabbia. Le grand pianiste anglais, l’historique hautboïste-saxophoniste américain et le génial percussionniste piémontais secondent l’intention ‘romantique’ du leader. En effet, à propos de son CD, BLUE FROM HEAVEN aussitôt enregistré pour l’étiquette de disques Dodicilune, Pierluigi Balducci parle de « …rêves racontés par les notes, de chansons visionnaires à écouter les yeux fermés, de fenêtres envers un ‘ailleurs’ fait de sons et de silence ».

Le résultat est un projet possédant une incontestable force de suggestion et un grand impact évocatoire, dans lequel on retrouve l’habituel lyrisme des pièces du bassiste aussi bien que l’équilibre dynamique entre Écriture et Improvisation. "


SPANISH

" En su nuevo proyecto el bajista Pierluigi Balducci se avale de la colaboraciòn de John Taylor, Paul McCandless y Michele Rabbia.  Tanto el gran pianista inlglès,  como  el històrico  oboìsta-saxofonista soprano americano y el genial percusionista italiano  adhieren a la intenciòn  declaradamente “romàntica” del leader. Al respecto de BLUE FROM HEAVEN,  àlbum recientemente grabado con el sello discogràfico  Dodicilune, Balducci habla en efecto de “suenos relatados a travès de las notas, canciones visionarias para escuchar con los ojos cerrados, ventanas hacia otra “dimensiòn”  hecha de sonidos y silencios”. El resultado es un proyecto de indiscutible capacidad de sugestiòn y de fuerte impacto evocativo, en el cual se reencuentran el caracterìstico  lirismo de las composiciones del bajista,  en dinàmico equilibrio entre escritura e improvisaciòn.


JAPANESE

 ??????????????·????????????????????????·????????·??????????????·?????????????????????????????????????????????·??????????????????????????????????????????????????????????????·?????????????????????·????·??? BLUE FROM HEAVEN??????????????···???????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????????? 

 

 

 

Barese classe 1971, il bassista Pierluigi Balducci si è esibito in numerosi festival e jazz clubs in tutta Italia e in tutta Europa. È attualmente co-leader della formazione Nuevo Tango Ensamble, tra le più significative formazioni europee di tango-jazz. Ha pubblicato a suo nome ben sei album da leader al basso elettrico. Le riviste Jazzit e Jazzmagazine hanno dedicato ampie interviste imperniate sulla sua attività di bandleader e compositore, mentre il recente Jazzit Award lo ha incluso nella top ten dei migliori bassisti elettrici italiani sia nel 2010 che nel 2011. Ha registrato performance live per l'emittente nazionale tedesca Bayerischer Rundfunk e per Rai Radio Tre Fahrenheit. È l'autore della colonna sonora del film “A ma soeur” di Catherine Breillat.

Paul McCandless, storico fiatista e compositore americano, è uno dei fondatori del gruppo degli Oregon nel 1971 insieme a Ralph Towner, Glen Moore, and Collin Walcott. Uno dei pochissimi oboisti di jazz al mondo, anche polistrumentista (sax soprano, corno inglese, sopranino, clarinetto e clarinetto basso). Innumerevoli le sue collaborazioni con tutti i grandi del jazz moderno come Jaco Pastorius, Carla Bley, Wynton Marsalis, Lyle Mays, Pat Metheny, Mark Isham, Steve Reich, Al Jarreau e molti altri. 

John Taylor, storico pianista britannico, fondatore nel 1977 dello storico gruppo degli Azimuth, con Norma Winstone e Kenny Wheeler. Considerato uno dei più creativi e poliedrici pianisti del jazz moderno, dotato di incredibile senso lirico e ritmico, caposcuola e riferimento delle nuove generazioni, ha collaborato con tutti i grandi del jazz quali Jan Garbarek, Enrico Rava, Gil Evans, Lee Konitz, Charlie Mariano, Maria Pia De Vito, Ralph Towner, Charlie Haden. 

Michele Rabbia, percussionista e batterista creativo e innovativo, famoso per l'uso di strumenti atipici nel suo percorso di esplorazione del mondo dei suoni. Ha collaborato con tutti i grandi del jazz mondiale come Antonello Salis, Charlie Mariano, Stefano Battaglia, Dominique Pifarely, Paul McCandless, Michel Portal, Enrico Pieranunzi, Michel Godard, Rita Marcotulli, Andy Sheppard, Eivin Aarset, Sainkho Namtchylak, John Tchicai, Bruno Chevillon e molti altri.

Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010 e 2011). Dispone attualmente di un catalogo di oltre 120 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 300 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo  (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). Info su www.dodiciluneshop.it

Track List

Tracklist

Tutti i brani sono di Pierluigi Balducci

tranne 4 di Brad Mehldau e 9 di Charlie Haden

 

1 – Introduction

2 – The light of Seville

3 – Fin de Siecle

4 – Unrequited

5 – Life in three sketches

6 – Blue form heaven

7 – The sky over Skye

8 – L’equilibrista (to Ernst Reijseger)

9 – Our spanish love song

10 - The light of Seville (alt. take)

Personnel

Paul McCandless - oboe, sax soprano

John Taylor - piano

Pierluigi Balducci – basso elettrico

Michele Rabbia – batteria, percussioni

Recording Data

Prodotto da Gabriele Rampino per Dodicilune Edizioni

Label Manager Maurizio Bizzochetti

Registrato, missato e masterizzato tra aprile e agosto 2012 da Tommy Cavalieri presso il Sorriso Studio di Bari

Foto di copertina Fabrizio Mandolini

Foto di Maurizio Bizzochetti

 

Dodicilune - Edizioni Discografiche & Musicali

Via Ferecide Siro 1/E - Lecce

Tel: 0832.091231

Mail: info@dodiciluneshop.it

press@dodicilune.it

 

Ufficio stampa Dodicilune

Società Cooperativa Coolclub

Piazza Baglivi 10, Lecce

Tel e Fax: 0832303707

Mobile 3394313397

Mail: ufficiostampa@coolclub.it

 

More Albums From Dodicilune