xxx

Artist: SERENA SPEDICATO     Album: MY WAITS. TOM WAITS SONGBOOK     Label: Dodicilune     Code: KNE018

MY WAITS. TOM WAITS SONGBOOK

  • MY WAITS. TOM WAITS SONGBOOK

  • SERENA SPEDICATO

  • 30 November 2012

  • KNE018

  • 8033309690186

  • iTunes, Dodicilune

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 3583

  • Today views : 1

  • Created on : 28 November 2012

  • Total songs : 10

  • Total comments : 0

  • From: Dodicilune

Press Release

Venerdì 30 novembre esce "My Waits. Tom Waits Songbook", un omaggio al grande cantautore statunitense della cantante leccese Serena Spedicato con arrangiamenti originali del bassista Pierluigi Balducci, prodotto da Koinè by Dodicilune, distribuito da IRD e promosso con il sostegno di Puglia Sounds – P.O. FESR Puglia 2007-2013 Asse IV.

 

Il mondo di Tom Waits, poeta dannato, cantore per eccellenza dell'America underground, visionario ma legato alla realtà della strada, raffinato ma attento alla realtà degli ultimi (prostitute, ubriaconi, clochard), autore di storie di un mondo minore, scritte tra strade abbandonate, vicoli bui, locali fumosi, motel di periferia, costituisce un riferimento assoluto nella musica contemporanea; e, proprio perché molto legato alla figura e alla cifra del suo autore, costituisce un “songbook” difficile, che ha molto ispirato i migliori interpreti (da Ute Lemper a Scarlett Johansson) come i migliori songwriter del nostro tempo (in Italia, un nome su tutti, Vinicio Capossela). Tuttavia, proprio il peso specifico di Waits ha scoraggiato una rilettura completa della sua opera. Per questo, My Waits, di Serena Spedicato, rappresenta un atto di coraggio, oltre che un atto di devozione. In My Waits, infatti, Spedicato e il suo gruppo di raffinato jazz da camera - pur nel pieno rispetto della poesia e della metrica waitsiane - decontestualizzano il songbook del poeta californiano, tratto esclusivamente dai suoi primi dischi (da “Closing Time” sino a “Heartattack and Wine”), donandogli una interpretazione jazz fresca e convincente. La voce cristallina di Serena Spedicato, così diversa dalla roboante interpretazione di Waits, conferisce una raffinata eleganza a melodie preziose, che, nella nuova veste, appaiono dotate di luce nuova. Il gruppo, con Gianni Iorio al bandoneon e al pianoforte, Antonio Tosques alla chitarra, Pierluigi Balducci, anche arrangiatore del progetto, al basso e Pierluigi Villani ai ritmi, porta alla luce gli angoli più segreti e nascosti del mondo di Waits, i suoi riferimenti reconditi. Un lavoro di valore assoluto.

 

ENGLISH
The world of Tom Waits, damned poet, singer par excellence of the American underground, a visionary but tied to street reality, refined, but attentive to the reality of societies “least” (prostitutes, drunks, the homeless), writer of tales of the less important world, written amid abandoned roads, dark alleys, smoke-filled bars, and suburban motels, constitutes an absolute standard for contemporary music; and -precisely because it was so very connected to the personality and figure of its writer - constitutes a difficult songbook, which really inspired the best performers (from Ute Lemper to Scarlett Johansson) like the best songwriters of our time (in Italy, one name in particular, Capossela).
However, precisely Waits’s specific importance has discouraged a complete re-reading of his work.  For this, My Waits, by Serena Spedicato, is a courageous act, as well as an act of devotion.
In fact, in My Waits, Spedicato and her refined chamber jazz group – while fully respecting Waits’s poetry and beat – de-contextualize the Californian poet’s songbook, taken exclusively from his first albums (from Closing Time to Heart Attack  and Wine), giving it a fresh and convincing jazz interpretation.

Serena Spedicato’s crystal clear voice, so different from Waits’s resounding interpretation, confers a refined elegance and precious melodies, which, in its new guise, appear gifted with a new light.  The group, with Gianni Iorio on the bandoneòn and piano, Antonio Tosques on guitar, Pierluigi Balducci - also one of the arrangers of the project - on bass and Pierluigi Villani doing percussion, brings to light the most secret and hidden corners of the world of Waits, his recondite references.
A work of absolute merit.

 

Serena Spedicato, cantante eclettica, poliedrica e ricca di pathos, dal timbro originale e affascinante, esprime la sua creatività in percorsi musicali variegati, ma raffinati ed eleganti, con particolare predilezione nell’esplorazione di un genere jazz dal sapore cameristico. Studia canto e solfeggio con la soprano M° Marinella Rizzo. Giovanissima, si approccia al canto jazz con il M° Luigi Bubbico ricoprendo il ruolo di vocalist nell'organico dell'Orchestra Jazz del Conservatorio Tito Schipa di Lecce. Studia vocalità jazz e approfondisce lo stile e il linguaggio jazzistico seguendo le Masterclass della jazz-vocalist Cinzia Spata. Frequenta numerosi Stages e Workshops tra cui "Jazz in Laurino" dove nel 2010 vince la Borsa di studio "Dennis Irwin" in Canto Jazz. Studia canto jazz, contemporaneo, tecnica vocale moderna e jazz e improvvisazione con la jazz-vocalist Gianna Montecalvo. Segue le Masterclass di Lucilla Galeazzi, Cinzia Spata, Gianna Montecalvo, Tuck and Patty, Michele Rabbia, Alberto Mandarini (Orchestra Conduction), Jonathan Kreisberg. Autrice e compositrice, ha all'attivo un’intensa attività concertistica con numerose formazioni di estrazione acid-jazz, funky, corale, polifonico. Corista di Arthur Miles, soprano dell’ottetto vocale “Souldiesis” (con cui apre il concerto di Ray Mantilla nella rassegna “Jazz in Puglia”), voce del progetto “Alessandro Quarta & his Blues Band”, della Big Band “Grande Salento Orchestra” di Maurizio Petrelli con Guido Pistocchi. Collabora e condivide palcoscenici e rassegne musicali con artisti quali: Roy Paci & Aretuska, Radiodervish, Trilok Gurtu, Massimo Manzi, Paolino Dalla Porta, Michele Rabbia, Marco Tindiglia, Arthur Miles, Ray Mantilla, Omar Sosa, Lucilla Galeazzi, Alberto Mandarini, Masa Kamaguchi, Rhapsodija Trio, Larry Ray, Arnoldo Foà, Giovanni Imparato, George Garzone, Matt Renzi, Andy Sheppard. In studio presta la voce a progetti discografici ufficiali come la colonna sonora originale del film “Galantuomini” di Edoardo Winspeare (Marc'Aurelio d'Argento al Festival del Cinema di Roma, edito EMI-Dodicilune, distribuito IRD), al disco omonimo dei Souldiesis anche in qualità di autrice/compositrice (edito Koinè, distribuito IRD), al disco “PugliAmerica a/r” di Maurizio Petrelli & Big Band, feat. Guido Pistocchi ,(edito WYSIWYG, distribuito IRD), al disco "Sotto il Celio Azzuro" del compositore salentino Gabriele Rampino. Attualmente frequenta il triennio di Canto Jazz presso il Conservatorio Tito Schipa di Lecce con i M° Luigi Bubbico, Gianna Montecalvo e Patrizia Lomuscio.

 

Dodicilune è attiva dal 1996 e riconosciuta dal Jazzit Award tra le prime tre etichette discografiche italiane (dati 2010 e 2011). Dispone attualmente di un catalogo di oltre 120 produzioni di artisti italiani e stranieri, ed è distribuita in Italia e all'estero da IRD presso 300 punti vendita tra negozi di dischi, Feltrinelli, Fnac, Ricordi, Messaggerie, Melbookstore. I dischi Dodicilune possono essere acquistati anche online (Amazon, Ibs, LaFeltrinelli, Jazzos) o scaricati in formato liquido su 56 tra le maggiori piattaforme del mondo  (iTunes, Napster, Fnacmusic, Virginmega, Deezer, eMusic, RossoAlice, LastFm, Amazon, etc). Info su www.dodiciluneshop.it

Track List

Tutti i brani sono di Tom Waits

Arrangiamenti originali di Pierluigi Balducci

1 - Please call me baby

2 - Muriel

3 - Burma Shave

4 - Invitation to the blues

5 - A sight for sare eyes

6 - On the Nickel

7 - Saving all my love for you

8 - Ruby's Arms

9 - Blue Valentines

10 - Tom Traubert's Blues

 

Personnel

Serena Spedicato - voce

Antonio Tosques - chitarra

Gianni Iorio - pianoforte, bandoneon

Pierluigi Balducci - basso elettrico

Pierluigi Villani - batteria

Recording Data

Registrato, missato e masterizzato tra agosto e novembre 2012 al Sorriso Studio di Bari

Sound Engineer - Tommy Cavalieri

Foto - Giacomo Rosato by ShotAlive

Layout Design – Dodicilune

Prodotto da Gabriele Rampino per Koinè by Dodicilune

Label Manager – Maurizio Bizzochhetti

 

Dodicilune - Edizioni Discografiche & Musicali

Via Ferecide Siro 1/E - Lecce

Tel: 0832.091231

Mail: info@dodiciluneshop.it

press@dodicilune.it

 

Ufficio stampa Dodicilune

Società Cooperativa Coolclub

Piazza Baglivi 10, Lecce

Tel e Fax: 0832303707

Mobile 3394313397

Mail: ufficiostampa@coolclub.it

More Albums From Dodicilune