Artist: Carlo Mezzanotte trio     Album: In a quiet room     Label: AlfaMusic     Code: AFPCD188

In a quiet room

  • In a quiet room

  • Carlo Mezzanotte trio

  • 19 October 2018

  • AFPCD188

  • 8032050018157

  • No covers downloadable for Guests

No tracks downloadable for Guests

  • Total views : 203

  • Today views : 1

  • Created on : 12 October 2018

  • Total songs : 12

  • Total comments : 0

  • From: AlfaMusic

Press Release

Carlo Mezzanotte           piano, Synthesizer 

Stefano Battaglia           double bass

Alessandro Marzi            drums

Questo lavoro rappresenta la continuazione ideale dei due album in trio che lo precedono, “Piano Possibile” del 2009 e “Northward Flight”, registrato dal vivo e uscito nel 2014. In mezzo, c'è stata l'uscita di “Jazz Tales” in quartetto, e dell'album di musica classica “Bach to the Future”.

Rispetto ai due lavori in trio che lo hanno preceduto, “In a Quiet Room” porta ancora più avanti una certa semplificazione delle strutture e la ricerca di una relativa accessibilità, che però non significa banalizzazione del tessuto armonico; questo rimane complesso e offre colori e dimensionalità alla superficie melodica, che guida l'intera struttura e che troviamo costantemente in primo piano. 

Ho suonato questi brani per diverso tempo prima di avere l'occasione di inciderli, anche perché volevo farlo con i musicisti che già mi avevano assecondato in questo percorso: Stefano Battagliae Alessandro Marzi si sono rivelati musicisti ideali per eseguire questo repertorio, che richiede di mettersi al servizio della composizione, bilanciando creatività e rigore. Entrambi meritano il mio ringraziamento anche per aver saputo mantenere un atteggiamento positivo attraverso varie difficoltà logistiche, cosa che mi è stata preziosa per riuscire a portare al traguardo questo lavoro. 

Il brano “Enricolors” è dedicato ad Enrico Pieranunzi, precursore ed esponente di punta di quella commistione fra spirito jazzistico e musica europea, che ha influenzato così tanti musicisti nelle ultime decadi. 

Anche in questo album, infine, ho voluto inserire un pizzico di suono elettronico, nella forma del solo di sintetizzatore che si sente nel brano “Conversation d'Automne”.

Carlo Mezzanotte

 

ENGLISH

 

This work represents the ideal prosecution of the two trio albums which precede it: “Piano Possibile” (2009) and the live “Northward Flight” (2014). In the meantime, “Jazz Tales” (quartet) and “Bach to the Future” (classical music) have been published too. 

Compared to the previous two trio works, “In a Quiet Room” simplifies the song structures even more, and aims for a certain accessibility – which doesn't mean that the harmonic texture has become formulaic; on the contrary, it's still quite complex, and provides colors and depth for the melodic surface, which leads the whole structure of the songs and always stays in the foreground. 

I have played these songs for quite some time before having the chance to record them: I wanted to do it with the musicians that were already following me along this path. Stefano Battaglia and Alessandro Marzi turned out to be the ideal partners to play this repertoire, which requires a perfect balance between creativity and adherence to the composition. They also deserve my gratitude for having been able to mantain a positive attitude, through various logistical hurdles – which was instrumental for being able to bring this work to completion.

The song “Enricolors” is dedicated to Enrico Pieranunzi, a pioneer and leading figure in a style which combines the spirit of jazz with European music, and which has influenced so many musicians during the last few decades. 

Lastly, like on many of my previous jazz works, I wanted to insert a bit of electronic sound too; it's the synthesizer solo which is heard in the song “Conversation d'Automne”. 

 

Carlo Mezzanotte

 

 

“MUSICA BELLISSIMA”. Alcuni anni fa, una rivista jazz francese, titolava - in italiano - la recensione di un concerto che aveva visto come protagonista un pianista italiano fra i migliori della sua generazione. Quel titolo mi è tornato alla mente ascoltando questo disco di Carlo Mezzanotte, l'ultimo di una lunga serie di questo brillante pianista. 

Su questo nostro musicista la critica italiana è stata sempre avara. Eppure Carlo Mezzanotte ha una lunga carriera alle spalle: si possono ricordare le sue collaborazioni con Lester BowieFrank Gambale e Al DiMeola oppure quelle con eccellenti e noti musicisti italiani come Maurizio Giammarco, Cinzia Spata e Javier Girotto. Ma oltre alla sua attività di solista, è stato fra l'altro allievo di Mike Melillo, che tanto aveva suonato con Phil Woods. E' importante anche citare le sue composizioni per il teatro, il suo interesse per l'elettronica, le collaborazioni nel rock e nella musica etnica, e il suo lavoro nella musica classica. Un musicista che si potrebbe definire “completo”.

Nei dodici brani inseriti in questo “In a quiet room” appaiono evidenti alcune caratteristiche del suo stile. Ammirazione per Enrico Pieranunzi a cui dedica il brano “Enricolors”, ma anche per Bill Evans, e Herbie Hancock il cui stile affiora in una famosa canzone italiana, “Una carezza in un pugno” lanciata da Adriano Celentano, in cui Carlo Mezzanotte dimostra capacità inventiva, sorretta da una eccellente tecnica strumentale, densità sonora e forza trainante.

Solista e compositore che merita un sempre maggiore e attento inserimento 

nel numero ormai rilevante dei migliori pianisti italiani.

 

Adriano Mazzoletti

ENGLISH

“MUSICA BELLISSIMA”. A few years ago, a french jazz magazine opened with this title - in Italian – a concert review for one of the best Italian pianists of his generation. That title came to my mind listening to this album by Carlo Mezzanotte, the latest in a long series from this brilliant pianist.

Italian critics have always been skimpy about this musician of ours. And yet, Carlo Mezzanotte has had a long musical career: We could  mention his collaborations with Lester BowieFrank Gambaleand Al DiMeola, or the ones with excellent and well-known Italian musicians like Maurizio Giammarco, Cinzia Spata and Javier Girotto. He has studied with, among others, former Phil Woodspianist, Mike Melillo. It's also important to mention his music for theater, his interest for electronic music, his collaborations in the fields of rock and ethnic music, and his work in classical music. A musician who can be described as “complete”.

 

“In a Quiet Room” contains twelve titles, in which the traits of his style are clearly outlined. Admiration for Enrico Pieranunzi, to whom the song “Enricolors” is dedicated; but also for Bill Evans, and Herbie Hancock, whose style surfaces in a famous Italian song, “Una carezza in un pugno”, originally sung by Adriano Celentano, in which Carlo Mezzanotte shows his inventive capabilities, supported by excellent instrumental technique, sonic density and driving energy. 

A soloist and composer who deserves an increasing and proper placement among the best Italian pianists. 

 

Adriano Mazzoletti

Track List

1 Waiting in Distance 3’45
2 Una carezza in un pugno 4’48
3 Winter Leaves 4’24
4 Enricolors 4’23
5 Hard Lines 2’44
6 Inner Prayer 5’52
7 Conversation d’automne 3’20
8 Summer Blues 4’37
9 Alborada 3’35
10 In A Quiet Room 5’39
11 Fermo Immagine 3’10
12 Lost In The Clouds 5’05
 
Total Time 51’51

Personnel

Carlo Mezzanotte           piano, Synthesizer 

Stefano Battaglia           double bass

Alessandro Marzi            drums

 

Production coordination: Alessandro Guardia & Fabrizio Salvatore

Liner notes: Adriano Mazzoletti

Graphic design: Riccardo Gola  

Recording Data

Recording and Mix La Strada Studios - Rome
Sound engineer Enrico Furzi
 
Mastering AlfaMusic Studio - Rome
Sound engineer Alessandro Guardia

More Albums From AlfaMusic